Servizio infermieristico



    In relazione ai bisogni degli ospiti nelle RSA è assicurata la continuità assistenziale infermieristica, da attuarsi anche mediante l’istituto della reperibilità, fatta salva la presenza o reperibilità del medico della casa. Il personale adibito a tale attività è in possesso di laurea (o equipollente) di infermiere.

    Le RSA dotate di posti letto in nuclei ad alto fabbisogno assistenziale, sono tenute ad assicurare l’assistenza infermieristica, con una presenza attiva dell’infermiere 24 ore su 24, fatta salva la presenza del medico della casa.

    L’assistenza infermieristica è assicurata mediante l’impiego di personale dipendente della RSA. Nel caso in cui la struttura non sia in grado di provvedere alla copertura dell’organico può convenzionarsi con liberi professionisti. In tal caso vanno individuate modalità che consentano impegni orari atti a garantire un’adeguata qualità dell’assistenza anche avuto riguardo alla eventuale combinazione delle attività svolte a favore di diversi committenti.

    Le principali prestazioni di assistenza infermieristica sono individuabili in:

  • assistenza sanitaria diretta all’ospite, favorendo la presa in carico dei bisogni dello stesso, in un’ottica di miglioramento continuo della qualità delle prestazioni;

  • collaborazione con i medici operanti nella struttura, contribuendo attivamente alla definizione, applicazione e verifica dei Piani di Assistenza Individualizzati (PAI);

  • gestione dei farmaci e dei materiali sanitari (collocazione, custodia e conservazione) con le modalità necessarie a garantire efficacia e sicurezza d’impiego;

  • tenuta delle registrazioni di competenza sanitaria, anche per quanto attiene alla gestione dei farmaci e dei presidi;

  • formazione del personale di assistenza finalizzata in particolare alla crescita professionale dell’equipe, con formule di responsabilizzazione dei professionisti;

  • eventuale organizzazione del lavoro degli operatori di assistenza (programmazione e verifica del lavoro, coordinamento dell’attività, ecc.);

  • altre attività professionali in relazione ai bisogni degli ospiti;

  • proposte al coordinatore dei servizi di eventuali diverse modalità di organizzazione degli stessi in relazione ai bisogni degli ospiti.

  • Per le modalità di erogazione dell'assistenza infermieristica devono essere valutate l'economicità, l'efficienza, l'efficacia e la qualità delle diverse opzioni possibili, avuto riguardo di assicurare il più alto livello di integrazione tra attività sanitarie e socio-assistenziali all'interno della struttura.

    L’infermiere è autorizzato a fornire alla famiglia e all’Ospite tutte le informazioni riguardanti le attività di assistenza sanitaria e alla persona.